blog, corinne noca

Lettera per voi

Cari amici di The Morning Later:

dal mio primo post ad oggi è già trascorso un mese. Più di trenta articoli scritti con il cuore, la testa e l’anima per raccontarvi pezzi di me. Non avrei mai pensato di riuscirci, sono sincera. Il lavoro, la casa, la famiglia occupano gran parte del mio tempo, come ad ognuno di voi del resto. Sono contenta perchè grazie a voi continuo ad essere stimolata a raccontare, a scrivere, a ritagliarmi quel piccolo spazio che è solo mio ma che riesco poi a condividere con voi in 5 minuti di lettura giornaliera. Per me è un piccolo traguardo, davvero.

Nei fine settimana mi capita di rileggere i vecchi post, soprattutto i primi per vedere da dove sono partita e, oltre a trovare ogni volta qualche errore di battitura od ortografico (perdonatemi, sono sviste o mancate riletture accurate), mi rendo conto di aver cambiato stile nello scrivere, e di aver dato un taglio più “smiling”. La scrittura rappresenta ciò che siamo, a seconda dei momenti che viviamo: in base a come stiamo, alle giornate che passiamo o ai momenti che trascorriamo, la scrittura assorbe il nostro spirito. Ecco perchè cambia. Chi mi ha letto dal primo giorno si è reso conto di questo cambiamento.  E questo, nell’arco di poco tempo, un mese soltanto. Il progetto è iniziato perchè ero malinconica e nostalgica. Avevo bisogno di sfogare quella tristezza che i ricordi e le persone del nostro passato lasciano nel cuore e l’unico modo, per eventualmente non piangere (sono una un po’ emotiva), è stato questo. Da adolescente, tenevo un diario mio o scrivevo lettere e subito dopo stavo meglio. Migliorando il mio umore, sono cambiati anche i racconti e i pensieri legati ad esso… L’occhio è diventato più “ironico”.

Attraverso le fotografie, che imposto come principali per ciascun post, rigorosamente in bianco e nero, cerco di catapultarmi in quell’immagine che sta nel mio cuore, ancor prima della mia mente, dando un imprinting che possa rimanere tale.

Non voglio dire che non scriverò più seriamente o cercherò sempre di far ridere, no, anzi. La serietà che è in me viene quasi sempre fuori anche da episodi che apparentemente sembrano ilari, ma che nascondono temi profondi, degni di nota o di riflessione. Non c’è nulla che non possa portare a “pensare”. Posso iniziare un post con l’idea di far ridere e concluderlo con un’altra. Dipende.

Il pezzo sul colore della pelle è nato dalla lettura di un post sul razzismo,” Stupire” è nato da una conversazione con il mio migliore amico…e così via…tutti mi state ispirando e tutti fate parte di questo progetto. Ecco perchè The Morning Later non è solo mio, ma anche vostro: sentitevi coinvolti, in pensieri, parole, opere ed omissioni.  La parola è quanto di più bello abbiamo: usiamola per comunicare e per farci sentire, per aiutare o per farci aiutare, per amare e non per odiare. Impariamo ad usarla come si deve perchè siamo fortunati a poterla padroneggiare.

E non abbiate timore.

Non sono qui per giudicare, ma per cercare un confronto. E mi sono stupita perchè ho ricevuto commenti da persone che non sentivo da anni, ma che hanno fatto parte della mia vita. Questo mi fa immensamente piacere.

Sarò sempre lieta di ricevere e di commentare tutto con voi, per costruire insieme The Morning Later.

Grazie per la fiducia.

Standard