corinne noca

And Everything in Between

My mind is blowing

my legs won’t hold me

no time to wonder what’s left for me

So I’ll put my cards on the shelves tonight…

from Shelves, Marella Motta

 

Più di  4 anni fa ho parlato di Marella in questo post L’effetto della musica: ricordi. 

Quando ho iniziato a scrivere questo blog, sono partita dai ricordi: ero in maternità e dormivo poco. Mi capitava di rituffarmi nel passato a pensare alle cose che mi erano successe nella mia breve esistenza o semplicemente a ciò che mi era accaduto il giorno prima. Così facendo, collegavo ad un evento particolare le mie emozioni, le mie sensazioni in quel famoso stream of consciousness joyciano di cui parlo sempre.

Oggi, all’uscita del suo primo album ( si chiamano ancora così, o sono vintage io?) non potevo non scrivere nulla. E’ così. Possono passare mesi, anche anni senza dire nulla, poi succede qualcosa che ti fa venire la pelle d’oca e devi buttare fuori quello che hai dentro. Marella lo fa cantando, io scrivendo. Anche se non sono talentuosa e non lo faccio di mestiere.

Ho finito di ascoltare “And Everything in Between” di Marella Motta. L’uscita è stata preceduta dal singolo  Angry.

Non sono una critica musicale, non voglio esserlo, non sono un’appasionata con un vasto repertorio da poter permettermi di dire, fare, baciare, lettera o testamento…ma ascolto. Mi piace, quando sono felice, quando sono triste. Canto – male- in macchina, sotto la doccia, con mia figlia. E lei l’ascolto da sempre. Quando eravamo “giovanissime” e piene di buone speranze al liceo, con la sua chitarra attraeva tutti, anche se cantava a bassa voce perchè all’inizio era un po’ timida. Ma la prima volta che l’ho sentita, “che voce!”.

E oggi, subito dopo aver ascoltato il brano numero 5, Shelves, tutto in inglese, mi sono venuti i brividi. Gliel’ho scritto subito. Non importa se avrà successo o meno ( io glielo auguro di tutto cuore, perchè se lo merita), ma ha fatto quello che ha desiderato, quello che ha sognato e che forse pensava non succedesse mai. Ha preso il suo tempo, e con la precisione che la contraddistingue, è venuta fuori con la sua voce meravigliosa, piena, delicata, nera per trasmettere ciò che ha dentro. Che fusione.

A me fa impressione. Sì, perchè mi esalto quando qualcuno che conosco è capace di dimostrare ciò che vale. E ha il coraggio di farlo. Osa. Non ci sono limiti, siamo noi a metterceli quando non sono gli altri. Volere è potere: in questo ho sempre creduto.

Con fatica, caparbietà, passione, e sicuramente c’è anche scoraggiamento, tristezza, fatica lungo il percorso, ma vincono i pensieri positivi. E sì, il successo arriva con il riconoscimento ufficiale, forse non si mira a quello, perchè se arriva, di solito non te lo aspetti, ma l’affetto che ti circonda, ti avvolgerà sempre e sarà quello a sostenerti nei momenti più difficili.

Mare, complimenti davvero. Te lo meriti, con tutto il cuore.

E voi che mi avete letto, se non la conoscete, andate qui: And Everything In Between

Ascoltatela. Non ve ne pentirete.

 

 

 

 

 

Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...